LOADING

Digita il termine di ricerca

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Trainspotting e il culto dell’Iguana: l’icona Iggy Pop

“Devi trovare qualcosa di nuovo Rents, non puoi startene tutto il giorno chiuso in casa a pensare a Ziggy Pop” “Si chiama Iggy Pop” “Si insomma, come si chiama”. Così Diane si rivolge al suo ragazzo, Mark Renton, in una delle scene cruciali di Trainspotting, prima del suo trasferimento a Londra.

Il romanzo cult di Irvine Welsh e l’altrettanto famoso adattamento cinematografico ruotano intorno al mito di Iggy Pop, l’ “Iguana”, icona di musica alternativa e punk, di stile rock,  di una vita vissuta col piede sull’acceleratore. Si capisce fin dalla prima scena del film, in cui il regista Danny Boyle mostra una corsa frenetica per le strade di Edimburgo sulle note di “Lust for Life”.  Il chiaro riferimento è alla fuga dalla metropolitana all’ inizio di Christiane F- I ragazzi dello zoo di Berlino, dove le note in sottofondo sono quelle di “Heroes” di David Bowie (forse lo Ziggy a cui si riferisce inconsapevolmente Diane?).

Nella Berlino della seconda metà degli anni ’70 David Bowie e Iggy Pop sono infatti amici inseparabili, compagni di ispirazione e di nottate a base di sostanze stupefacenti: gli stessi eccessi che si trovano in Trainspotting. Nel romanzo non vengono risparmiati momenti pulp e turpiloquio, ma la scrittura prende fin da subito un ritmo incalzante che conquista il lettore.

Ecco perchè ho sempre pensato che Trainspotting sia il romanzo migliore per fare iniziare a leggere chi pensa di essere lontano dai libri, magari per estrazione sociale o grado di istruzione.

Temi come il tradimento, i rapporti umani ridotti a solo interesse, la dipendenza da eroina vengono trattati con durezza e houmor, lasciando però trasparire nell’ingenuità di qualche personaggio una possibilità di redenzione per tutti.

L’impronta letteraria del libro si sente fortissima anche al cinema: infatti Spud, uno degli sbandati protagonisti della trama, si scoprirà egli stesso scrittore vent’anni dopo nel secondo capitolo del film, realizzando nel film un romanzo mai scritto da Irvine Welsh.

Nel crudo realismo di un’opera che ha dato impulso a tutta la new wave letteraria inglese di inizio anni ’90 (Irvine Welsh, Roddy Doyle, Joseph O’ Connor e Nick Hornby) il culto dell’ Iguana è sempre presente, anche quando non viene citato direttamente. Un musicista che magari non è sempre stato baciato dall’ispirazione (come l’amico Bowie, ad esempio), ma che ha il merito di essere ancora oggi un grande ispiratore di musica, letteratura, cinema e moda.

Forse nessun cantante rock ha avuto il merito di fare da precursore e contaminare forme d’arte diverse come Iggy Pop.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Newsletter

Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità dalla mia libreria?

Iscriviti alla newsletter! Ne riceverai un paio al mese ;)

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi