LOADING

Digita il termine di ricerca

Libri letti nel 2018: ho scoperto le biografie

Il 2018 mi ha visto ritornare “alla Carta”.

Dopo anni di “solo (o quasi) kindle, ho riscoperto il piacere dei libri cartacei: IMPAGABILE.

Ho letto oltre 30 libri, senza tenere conto delle letture condivise con mia figlia, tra albi e romanzi di vario tipo come quelli di #Dahl e della #Rowling.

Come dicevo, ho letto diversi libri su carta e scoperto che non mi dispiace Federico Maria Rivalta con il suo giornalista Ranieri (ho letto tutti i suoi romanzi!), gli ultimi due di Alice Basso (lei scrive benissimo e ha inventato un personaggio esilarante, la ghostwriter Vani). Non sono mancati gli ultimi di Andrea Camilleri, Gimene Bartlett, Marco Vichi, Maurizio De Giovanni, Emili Martini, Alessandro Robecchi e Antonio Manzini (gli scrittori da me amati, padri dei miei commissari preferiti).

Ho letto generi lontani dai miei gialli, come “Tutta la luce che non vediamo” e “Il primo fiore di Zafferano”.

Ho letto due biografie, quella del tennista Agassi (Open) e di Nellie Bly, la giornalista reporter americana di metà ottocento (una storia incredibile la sua!). Ho riletto anche alcuni libri di letteratura greca, latina e italiana (di quando andavo a scuola) e letto “La splendente” sui miti greci e “L’arte di essere fragili” di Alex D’Avenia su Leopardi.

Rispetto agli altri anni, ho variato di più e letto anche qualche romanzo rosa e drammatico.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

2  +    =  9

Newsletter

Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità dalla mia libreria?

Iscriviti alla newsletter! Ne riceverai un paio al mese ;)