LOADING

Digita il termine di ricerca

Anne di tetti verdi: un inno al potere dell’immaginazione

Ho amato sin dalle prime righe questo classico dei primi del ‘900, scritto da Lucy Maud Montgomery, commentato da Enrico De Luca con tante precisazioni e approfondimenti che chiariscono molte parti del testo.

Anna dai capelli rossi ha accompagnato la mia infanzia: mio nonno mi regalò la bambola di cui ricordo ancora i tratti e l’odore, quindi sono partita con questa lettura immaginando già i sentimenti e ricordi che avrei vissuto pagina per pagina.

La storia di Anne è nota a tutti: lo so, è triste. E infatti non si sa quanto ho pianto alla fine!!! In treno non sapevo come fare perché quasi singhiozzavo.

Sono entrata subito in empatia con questa ragazzina dalla chiacchiera straripante, profonda e mai banale.

“La mia vita è un perfetto cimitero di speranze sepolte”

Nonostante ricordassi molto bene la storia, vista e rivista in tv da bambina e ragazzina, non ho provato mai noia e sono arrivata in fondo quasi con dispiacere.
Anna, alla fine della lettura, mi è persino mancata un po’.

Gli approfondimenti a piè di pagina mi hanno aiutata a capire certi particolari e traduzioni dall’inglese, a partire dal titolo Anne di Tetti Verdi, scoprendo inoltre che questo romanzo è solo il primo di una saga costituita da 9 libri e 2 raccolte di novelle.

Insomma, Anna di tetti verdi è un classico che è un vero inno al potere dell’immaginazione e strumento per affrontare le difficoltà e le sfide che la vita immancabilmente riserva (cit.).

Adesso, mi preparo per il secondo volume: Anne di Avonlea.

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

5  +  4  =  

Newsletter

Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità dalla mia libreria?

Iscriviti alla newsletter! Ne riceverai un paio al mese ;)