LOADING

Digita il termine di ricerca

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Tags:

I bambini di Svevia: un cerchio che si chiude

Sono arrivata alla fine del viaggio di Edna, sentendo mie le fatiche di una donna che mi resterà impressa per lungo. Ne sono certa.

Non è un caso che io ne parli proprio nella settimana che ci porta verso la Giornata della Memoria perché, anche se la storia raccontata da Romina Casagrande (Garzanti) risale agli anni prima della seconda guerra mondiale (dal 1700 alla metà del 1900), riporta alla luce delle vicende dimenticate e che hanno purtroppo segnato la vita di molti bambini.

Ho apprezzato moltissimo la costruzione della storia tra presente e passato e l’espediente del viaggio per tappe: ho viaggiato verso qualcosa che ho scoperto pian piano, proprio perché al racconto delle vicende di Edna, novantenne, si alternano quelle di Edna, bambina.

E così ho scoperto che molti bambini del nord Italia venivano venduti dalle famiglie per andare a lavorare nelle fattoria dell’alta Svevia, portati via attraverso un itinerario difficile e impegnativo e in condizioni climatiche tutt’altro che semplici.

Il viaggio di Edna, seguendo la vecchia mappa disegnata da bambina, è un percorso di arricchimento, il punto di arrivo di un’intera vita. I personaggi che incontra lungo il cammino offrono ad Edna un’importante consapevolezza: chiunque serba un rammarico nel cuore o ha qualcosa da aggiustare. Spesso la paura di parlare e fare il primo passo, crea una frattura sempre più grande ma che non è impossibile rimarginare.

“Le parole a volte sono tutto ciò che abbiamo. E se non riusciamo a usarle, quando servono, la loro assenza si trasforma in silenzi che possono scavare dentro, come una cancrena che si porta via la parte migliore di noi”.

Anche chi è stato sempre vicino ad Edna, si renderà conto di avere tanto da aggiustare e rivalutare: un profondo senso di amicizia e speranza chiude le ultime pagine del romanzo.
Il cerchio alla fine si chiude e dà vita ad un nuovo inizio:

“Una volta un orologiaio mi ha detto che il senso del tempo è compiere lunghi cerchi e trasformare le cose, prendendo la fine e trasformandola in un nuovo inizio…”

Adesso che Edna mi manca un po’, mi capita chiedermi cosa stia facendo in questo momento.
Probabilmente passeggia in un prato fiorito con il suo uccello del paradiso.
Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Newsletter

Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità dalla mia libreria?

Iscriviti alla newsletter! Ne riceverai un paio al mese ;)

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi