LOADING

Digita il termine di ricerca

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Gruppi di lettura a Bologna: una confraternita di lettori

Qualche settimana fa ho partecipato a un incontro organizzato da Il patto per la lettura, progetto del comune di Bologna, con il coinvolgimento di Serena (su IG @followsthebooks_), Francesca (su IG @zambi89) e i rappresentanti di alcuni gruppi di lettura attivi a Bologna.

È stato un incontro a dir poco illuminante.

Ho scoperto che a Bologna esistono al momento 52 gruppi di lettura sparsi per la città, legati a Librerie, Biblioteche o nati da privati. Ognuno ha le sue regole e abitudini; alcuni sono nati da pochissimo altri sono in vita da oltre 10 anni e sono ben integrati nella vita della città.

Ho realizzato di conoscere davvero poco questo mondo, nonostante il mio impegno costante con i libri e la condivisione e partecipazione a gruppi di lettura virtuali (per es in gruppi su IG o Telegram).

Ho capito quanto sia importante, in questi casi, il contatto e il confronto reale con le persone intorno a un tavolo o sedute in cerchio, fondamentale lo sguardo e indispensabile il tono della voce da cui percepire coinvolgimento e sfumature.

Non si tratta di semplici discussioni o interrogazioni, ma di momenti di socializzazione e condivisione di emozioni e sentimenti anche contrastanti, nel rispetto delle idee e delle opinioni altrui.

I gruppi di lettura offrono una grande opportunità e cioè quella di leggere libri che altrimenti non si sceglierebbero mai.

Non è così anche per voi? A me succede anche quando partecipo a gdl su Instagram (il famoso 1984 di Orwell l’ho letto, dopo anni nella mia libreria, spinta dalla challenge di @sonosololibri), quindi l’esperienza dei gruppi di lettura “fisici” non può essere da meno.

E così, dopo l’evento tenuto in modo assolutamente perfetto da Serena, ho deciso di provare a far parte di un gruppo di lettura e ho scelto quello nato all’interno de La confraternita dell’uva, una libreria, Wine bar e café di Bologna:

La confraternita dei lettori

Il gruppo è nato nel 2016 dall’idea di Francesca Zambito. Si riunisce una volta al mese e le letture vengono scelte tramite sondaggio nella pagina Facebook (che conta al momento 400 iscritti).

Francesca Zambito, ideatrice del gruppo, racconta: “Il primo anno eravamo circa una dozzina di lettrici, quasi esclusivamente donne dai 20 ai 40 anni circa. Lo scorso anno la partecipazione è cresciuta molto, assestandoci su una ventina di lettrici e qualche lettore. Il range di età è rimasto invariato.

La prima edizione si concentrava sull’idea di viaggiare attraverso i libri: siamo stati negli stati uniti schiavisti e contemporanei con “La ferrovia sotterranea” di Colson Whitehead e “Lions” di Bonnie nadzam, in Russia con le “Memorie di un giovane medico” di Bulgakov e nelle Filippine con i racconti di Mia Alvar “Famiglie ombra“. L’anno scorso invece ci siamo concentrati sui classici da riscoprire passando dal Professore di C. Bronte a William Saroyan, Honorè de Balzac e Lili Grun.

In entrambe le edizioni è stata centrale e vincente l’idea di concentrarci sulla letteratura di qualità proposta dalle case editrici indipendenti con cui la libreria ha un rapporto speciale. Quest’anno questo rapporto si è rinsaldato”.

Per questo nuovo cammino di letture, a partire da settembre, sono state scelte 9 case editrici che hanno proposto tre titoli dal loro catalogo.

A Settembre il gruppo ha letto Il giusto peso di Kiese Laymon (Edizioni Black Coffee), mentre a ottobre leggeremo ( eh si, questa volta ci sarò anche io): L’idioma di Casilda Moreira di Adrian Bravi (Exòrma Edizioni), scrittore argentino che ci porterà alla scoperta di lingue scomparse e relazioni da cucire.

Non vedo l’ora di partecipare al primo incontro, in programma per il 5 Novembre alla Confraternita dell’uva, perché sono certa mi offrirà l’opportunità di arricchirmi di punti di vista differenti e scoprire testi magari meno acclamati ma molto validi.

Se siete di Bologna e vi va di fare questa esperienza, anche solo per vedere (a proposito, durante gli incontri non è obbligatorio parlare o aver letto il libro), vi aspettiamo.

Tags:

4 Commenti

  1. Mirim 2 Febbraio, 2020

    Forse grazie al tuo post c’è qualche speranza che io riesca a trovare il gruppo di lettura giusto per me!
    C’è una vaga possibilità che tu possa darmi qualche indicazione se in possesso?
    Esiste un gruppo a Bologna che legge e interpreta ad ALTA VOCE opere teatrali e/o grandi classici?
    Mi piacerebbe tantissimo poter dar voce a questo desiderio che da tempo mi tedia!
    Mi pare di aver capito che nel gruppo che frequenti alla Confraternità dell’uva si propende più per la discussione del testo… io cerco interpretazione e lettura oltre che un approfondimento testuale.
    Puoi aiutarmi?

    Rispondi
  2. Viviana Sarti 6 Febbraio, 2020

    Ciao Mirim, grazie per aver commentato.
    Si, hai capito bene: alla Confraternita dei lettori ci si incontra per un confronto sul libro letto, spesso anche in presenza dell’autore.
    Non sono informata su letture di opere teatrali o classici ad alta voce ma se scopro qualcosa, ti farò sapere.
    Magari scrivimi una mail così è più facile comunicare.
    Grazie

    Rispondi
  3. Barbara 24 Maggio, 2020

    Ciao,puoi raccontarmi dei gruppi di lettura?vorrei tanto fare parte di una esperienza simile…grazie Barbara.

    Rispondi
    1. Ciao! Se vivi a Bologna, puoi certamente entrare a far parte del gruppo che si tiene nella libreria La confraternita dell’uva. In questo periodo, per ovvii motivi, gli incontri si sono svolti online ma presto si torneranno a fare in libreria. I gruppi di lettura sono un’esperienza bellissima ed edificante: si sceglie insieme attraverso un sondaggio il libro da leggere e di cui parlarne durante l’incontro. Francesca gestisce #laconfraternitadeilettori, nel post trovi tutti i link di riferimento.
      Poiché i gdl sono stimolanti, ne organizzo diversi anche io però online. Mi trovi su Instagram: adesso stiamo leggendo i libri del premio strega, una saga famigliare, i libri di Annie Ernaux e Cent’anni di solitudine. Ho attivato gruppi per tutti i tipi

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Newsletter

Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità dalla mia libreria?

Iscriviti alla newsletter! Ne riceverai un paio al mese ;)

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi