LOADING

Digita il termine di ricerca

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Tess dei d’Uberville: l’amore che si consuma

Ho terminato la lettura di questo classico struggente e intenso con la consapevolezza di voler recuperare tutto ciò che ha scritto Thomas Hardy, scrittore inglese di fine ottocento che troviamo sepolto nel Poets’ Corner dell’Abbazia di Westminster, a fianco di Charles Dickens.

Negli ultimi mesi mi sono data agli scrittori inglesi, calamitata dalla loro capacità di coinvolgere attraverso fiumi di parole, periodi lunghissimi che non stancano mai e affascinano al punto da sentirne la mancanza, quando si finisce il libro.

Ho sentito la mancanza di Tess per lungo tempo. Ho avuto nostalgia della ragazza definita, nelle prime righe del romanzo, come “un vaso ricolmo di emozioni non ancora scalfito dall’esperienza”.

Cara Tess! Tanto bella e attraente, quanto ingenua e sfortunata! La poca felicità che ti è stata concessa ti è sembrata perfino “troppa”!

“Perché le creature rozze si impossessano tanto spesso di ciò che è più aggraziato? L’uomo sbagliato della donna, la donna sbagliata dell’uomo, migliaia di anni di filosofia analitica non sono ancora riusciti a spiegarlo alla nostra idea di ordine”.

Ambientato nell’epoca di Hardy (fine ‘800), ci si scontra con la mentalità di epoca vittoriana con cui Tess ha dovuto combattere per tutta la sua vita, sentendosi lei per prima sporca e cattiva, indegna di ricevere amore, in balia di quelli che definisco “omuncoli”.

“Voi siete come un’onda increspata e intiepidita dal sole. È questa musica che vi svolazza intorno ne è la schiuma”.

Quante belle parole e dichiarazioni che finiscono solo per farle male! La possibilità di poter elevare la propria condizione sociale e famigliare, le nuocerà tantissimo, senza possibilità di cambiare le sorti di un destino ineluttabile.

Ho apprezzato molto le parti riguardanti il rapporto tra Angel Clare e suo padre e quello tra Tess e la madre. Nonostante tutto, l’ignoranza, l’arroganza di una determinata posizione, restano sempre punto di riferimento fermo per i due giovani.

“Rafforzata dall’ordine dell’unica persona al mondo (la madre) che vantasse un qualche diritto di controllo sulle sue azioni, Tess si tranquillizzò”.

Un amore che si consuma tra malintesi, parole non dette e poi urlate quando ormai è tardi, ingenuità e pudore. Ma un amore vero, di quelli che fa rinunciare a tutto pur di godere anche solo di un attimo di felicità.

E Tess alla fine, nonostante tutto, è felice e ringrazia per quel poco di gioia che ha vissuto, convinta di poter sopravvivere al dolore.

Ingenua fino alla fine.

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Newsletter

Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità dalla mia libreria?

Iscriviti alla newsletter! Ne riceverai un paio al mese ;)

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi