LOADING

Digita il termine di ricerca

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Emma di Jane Austen, la donna degli abbagli

Eccomi con la mia recensione su EMMA di Jane Austen, libro letto con il mio gruppo di lettura #quelledelcardellino.

Ho aspettato un po’ prima di buttare giù il mio pensiero su questo classico e secondo libro della Austen per me. Dopo Orgoglio e pregiudizio, con cui ho lottato un po’ all’inizio, sono partita già consapevole della sua scrittura e del suo mondo, per cui si…l’ho amato.
Dopo oltre una settimana dalla fine della lettura, dico anche che mi manca e che vorrei tornare a rifugiarmi ad Hartfield, la dimora di Emma Woodhouse, tra piccoli pettegolezzi, pic nic all’aria aperta (se il tempo lo consente!), balli improvvisati e tanto calore famigliare.

Emma, in prima battuta, può sembrare antipatica, saputella, viziata e “signorina so tutto io”. Si impara ad apprezzarla col tempo, perché è proprio nel corso della storia che lei stessa matura e cambia opinione sul matrimonio e la vita da zitella.

“Non mi sono innamorata mai, non è una mia tendenza, non è il mio carattere e non credo lo sarà mai”.

La sua missione è quella, quindi, di “sistemare” gli altri perché facciano dei matrimoni convenienti e in linea con le sue idee ed educazione, soprattutto in nome della galanteria e delle buone maniere.In sostanza il suo principale pensiero è questo, nel corso dell’intero romanzo, tra discorsi infiniti e chiacchiere esilaranti (mi sono fatta della grasse risate) e i vari personaggi che ruotano intorno alla vita di Emma.

Come si fa a non amare suo padre, il signor Woodhouse con le sue manie sull’alimentazione e gli sbalzi di temperatura, per non parlare della sua opinione sul mare?

“…molto raramente il mare fa bene a qualcuno. Sono certo che a me, una volta, mi ha quasi ammazzato”

E poi ho molto apprezzato i discorsi calzanti del signor Knightley (del quale, sono sincera e senza spoilerare, non avevo intuito niente), le signore del villaggio (persino la logorroica signora Bates) e il figlio del signor Weston, Frank Churchill, che a un certo punto scompiglia un po’ le carte facendo prendere dei grandi abbagli…non solo ad Emma ma anche al lettore.

Si, in effetti gli abbagli sono i veri protagonisti dell’intero romanzo perché la prima a vedere “ciò che non è” e senza prove consistenti è proprio Emma che, imperturbabile, porta avanti le sue idee e non si fa scalfire dalle delusioni.

Ho adorato quindi tutta l’atmosfera, la descrizione di ogni cosa, la sorpresa dell’amore. E se anche il finale sembra scontato, Emma alla fine sorprende tutti persino se stessa.

Le sue ultime parole famose:

“Di denaro non ho bisogno, di un’occupazione non ho bisogno, di posizione sociale non ho bisogno…e mai e poi mai potrei sperare di essere tanto veramente amata e importante , così perennemente la prima e infallibile per gli occhi di un uomo come lo sono per quelli di mio padre”.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Newsletter

Vuoi essere aggiornato sulle ultime novità dalla mia libreria?

Iscriviti alla newsletter! Ne riceverai un paio al mese ;)

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'OK', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi